Category Archives: I miei pensieri

LA VITA NON SI PAGA

SANYO DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

 

Sei stata così tanto abituata a vivere nella sofferenza, a conquistarti la vita, a meritartela, a lottare per un piccolo posticino e sei così abituata ad essere continuamente sotto sforzo per ottenere amore, che ti sei dimenticata che LA VITA NON SI PAGA, che la Vita non è fatta di lotte e di conquiste ma è fatta di una gioia cosciente scelta in ogni più piccolo gesto. Guarda ai bambini molto piccoli. Essi non si fanno tante domande sul come, sul quando e sul perché ma vivono pienamente la loro essenza di bimbi e anche quando incontrano situazioni di sofferenza e di conflitto ci restano quell’attimo necessario per vivere nell’esperienza e poi velocemente ne escono fuori per entrare con gioia e curiosità in un’altra esperienza che può essere anche esattamente opposta.

LA PAROLA “IO”

LA PAROLA IO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pensa per un momento alla parola “Io”. E’ la parola con cui ogni essere umano definisce se stesso. E’ sempre la stessa parola ma ogni volta questo IO è unico ed irripetibile.

E’ una cosa talmente immensa che può alle volte farti paura ed ecco che allora riduci questo tuo “IO” e lo sostituisci con una versione molto più ridimensionata e prevedibile, quella che ti viene offerta dal “mondo di fuori”. Se per un attimo percepisci come l’essere copie di burattini pensati da altri è la quotidianità di molti esseri umani, potrai sentire anche quando sei tu stessa a rinunciare a questo strumento così “piccolo” ma così potente che persino nel linguaggio umano ha bisogno di solo due o tre lettere per essere nominato.

I – Je – Ich – Yo

SPAZIO E TEMPO

mandala 1 mandala 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che cosa è l’attimo se non tutta la Vita? Sono abituata ad esistere nella mente che conosce solo il tempo lineare, il passato da rimpiangere o da rimproverare ed il futuro che aspetto con ansia o paura o con speranza. E’ la mia parte mentale che conosce il Tempo e lo Spazio, che mi dice chi sono e come dovrei vivere. Ma la Vita va ben oltre i parametri del Tempo e dello Spazio. La Vita è Creazione e la Creazione avviene nell’attimo presente, né prima, né dopo. Nessuno può sapere in anticipo quello che sceglierò come mia esperienza. Nessuno, a meno che non sia io stessa a permettere agli altri di dirmi come vivere. La voce degli altri che viene dal mio passato, avi, genitori, insegnanti, amici, la voce degli altri che viene dal mio futuro, dalle mode, dai mass media, dalle aspettative, dal far parte di un gruppo. La Creazione avviene nell’attimo presente ed avviene nella scelta consapevole. avviene nella mia propria voce. Nel palazzo dalle mille porte scelgo la porta attraverso cui desidero passare oppure il Destino dietro di me farà la scelta al mio posto ed io mi ritroverò dove mai avrei voluto essere. Se aprirò le mie porte in modo consapevole, il Destino potrà riposare.

IL DIVENIRE

IL DIVENIREPOTRA’ MAI ESSERCI QUALCOSA DI ULTIMO IN UN MONDO IN DIVENIRE?

Se potessi guardare la natura che in questo momento di primavera si manifesta alla Vita, se potessi davvero guardarla con occhi veri, mi accorgerei che mai un attimo si ferma e riposa. Ogni istante muta e si trasforma pur nell’apparente immobilità, ad ogni respiro lascia andare il vecchio per fare spazio al non ancora noto e così ad ogni momento si fa coppa dei doni che accoglie e poi lascia andare.

Quante volte invece io sono un seme che si apre e che subito rinsecchisce perché mi attacco alla nuova forma raggiunta, mi piace, mi ci identifico, divento tutt’uno con essa. E’ mia, sono io.

Recito un ruolo e lo divento. Madre, compagna, amica, donna, figlia, insegnante, essere eterno…mille e mille forme, tutte belle e interessanti nel loro divenire ma trappole mortali quando mi chiudo in una sola di esse.

Riflessioni di donna: UNA NOTTE DELL’ANIMA

la notteCi sono dei momenti nella vita nei quali sembra di entrare nel cuore della notte. Si intravedono appena le antiche cose che hanno perso la  loro lucentezza, la loro forza, la loro visibilità, il loro significato. Eppure è proprio in questo buio che la prima stella  si fa più luminosa, annunciando una notte stellata ed infiniti mondi da scoprire.

Vuoi essere tu sia notte che stella?

Forse ci incontriamo in questo momento della tua vita che chiami “buio” ma che si è preparato da lungo tempo, attraverso tutte le frasi scontate tramandate di madre in figlia, di generazione in generazione. E’ il momento in cui gli sguardi degli uomini, dalla linea delle gambe, del petto, degli occhi, superata anche la linea della tua testa, passa sopra ai capelli, guardando oltre l’infinito. Ti senti all’ultima fermata. “Qui finisce la tua fertilità” ti hanno detto, senza aggiungere che la fertilità fisica è altro dalla tua fertilità del tuo essere donna. Cominci ad intuire che il divenire non è diventare qualcos’altro di diverso e di migliore ma che è abbracciare tutti i lati conosciuti e non conosciuti della tua preziosa Vita, bui o luminosi appunto, senza escluderne alcuno.

LETTERA ALLA MADRE

 

 

 

LETTERA ALLA MADRE ESTERNO LETTERA ALLA MADRE INTERNO

 

 

 

 

 

     

 

 

 

Anche scrivere la LETTERA ALLA MADRE è una scelta molto impegnativa e anche qui avrai bisogno di tutta la tua creatività e della  fiducia che, se metti a tacere quella vocina dentro che ti dice che non sei capace, le tue mani ti aiuteranno a rendere visibile ciò che il tuo cuore nasconde.

Per la Lettera alla Madre ho scelto un formato rotondo. E’ uno dei tanti formati particolari che uso quando creo i miei libri speciali,  così potrai meglio comprendere che quando uso la parola “libro” lo intendo in un modo molto più esteso di quello a cui siamo abituati.

PROCEDIMENTO

  • Prendi due fogli da disegno  formato 50X35

CREA LA TUA CARTA DA LETTERE PERSONALIZZATA

CARTA FATTA A MANO 2 CARTA FATTA A MANO 1

 

Lo so, non si scrive più. SMS, mail, facebook ma scrivere….è diventata una cosa proprio obsoleta.
Eppure mi ricordo ancora quando ero ragazza la gioia dell’arrivo del postino. A me non arrivavano le bollette da pagare per cui ogni lettera era una lettera di un’ amica o di un amico. Quelle parole scritte con l’inchiostro, anche con la biro che stava diventando sempre più di moda sostituendo l’ adorata stilografica, quelle parole tremolanti, scritte con scritture strane, spesso indecifrabili, quei fiori seccati, qualche macchia, un bacio stampato con il rossetto… in poche parole, era poesia.
Poesia anche nel rispondere quasi subito o dopo giorni o mesi o anche mai più, dipendeva dal destinatario. Attese, lunghe o brevi, delusioni quando il postino passava avanti. E poi arrivava e la riconoscevo dal suo profumo, la lettera dell’innamorato lontano. Di corsa a nascondermi in camera ma con fare furtivo perché la mamma non si accorgesse che nascondevo un tesoro.
E’ finito quel tempo?
Prova a CREARE LA CARTA DA LETTERE e magari ti verrà voglia di usarla. Sarà una sorpresa per i tuoi amici riceverla.
E’ semplicissimo.
– Prendi un tovagliolo di carta bianco. Se è a due veli, separali. Se è a tre veli separali tutti e tre.
– Taglia il foglio della misura che desideri.
– Bagnalo con acqua e colla molto diluita e lascialo asciugare. Già finito.

LA FERITA SACRA

LIBRO POESIA FERITA SACRAPrima di proseguire con il percorso APRI LE TUE PORTE SEGRETE voglio condividere con te questa mia poesia che può aiutarti a guardare fino in fondo le ferite del tuo cuore e a guarirle in un istante. Come si fa? Lo si può fare in un attimo, basta non chiedersi più PERCHE’ ma chiedersi COSA NE FACCIO DI QUESTO ADESSO?

Nessuno potrà mai spiegarti perché proprio a te è capitato di vivere  questa esperienza. Certo, ognuno ti parlerà della sua teoria ma poi quel PERCHE’ sarà ancora là a toglierti energia. Allora SMETTI DI CHIEDERTELO.

Considera invece quello che TU puoi fare con questa esperienza che è solo tua e di nessun altro. Che contenga un messaggio? Un segreto? Una nuova via? Anche in questo la tua creatività ti potrà essere d’aiuto. Non sempre le cose scontate e note sono quelle più vere.

CREA IL LIBRO”LETTERA AL PADRE”

  Per questa prima lettera, LA LETTERA AL PADRE, ti propongo un libro molto semplice con un formato classico. E’ già difficile di per sé decidere di scrivere una lettera al proprio padre, quindi come primo passo, non ci complichiamo la vita.

 

 

CREAZIONE DEL LIBRO: LETTERA AL PADRE

 

  • Prendi due fogli da disegno formato 50X35, tagliali a metà e poi piega a metà ciascun foglio. Inserendo le pagine una nell’altra otterrai un libro di 8 pagine, 16 facciate. Se vuoi un formato più piccolo o più grande oppure un numero di pagine diverso, togli o aggiungi altri fogli.

6 LETTERE come libri di carta colorata PER APRIRE LE TUE PORTE SEGRETE

DSC063696 LETTERE come libri di carta colorata PER APRIRE LE TUE PORTE SEGRETE

Dentro di noi abitano tanti personaggi che è interessante ogni tanto incontrare e che recitano una parte nella nostra vita di tutti i giorni. Noi pensiamo che essi abitino lì fuori, in realtà la loro casa è dentro di noi ed occupano  grandi  o piccoli spazi a seconda di quanto noi permettiamo loro, attraverso i nostri pensieri ed i nostri sentimenti, consapevoli o meno che siano.

Sul  campanello della loro casa c’è scritto:

TUO PADRE

TUA MADRE

IL BAMBINO/A CHE SEI STATO/A

IL TUO COMPAGNO /A

IL TUO AMICO/A

ED INFINE, IL TE STESSO DIVINO, REALE, MAGNIFICO.

Certo, ce ne sono molti altri, ma per il momento prendiamo in considerazione questi.

Storia della Carta

Ho sempre amato la carta e l’ho spesso usata per le mie creazioni. Poi un giorno l’ho guardata e mi sono chiesta se conoscevo qualcosa di questa mia preziosa amica con la quale condividevo le esperienze della vita:

  •               Quando è nata la carta?
  •         Con quali materiali è possibile fare la carta?
  •         Quando è nata la nostra cara carta igienica, protagonista di questo sito?

Storia della carta (tratto da Wikipedia)

Il significato della parola carta è piuttosto incerto. Secondo alcuni deriverebbe, attraverso il latino charta, dal greco charassò con il significato di incidere, scolpire. I termini corrispondenti paper anglosassone, papel spagnolo e papier francese e tedesco, derivano invece dalla pianta del papiro utilizzato per scrivere dagli antichi Egizi fin dal 3000 a.C. e, successivamente, da Greci e Romani. Più a nord la pergamena ottenuta per la lavorazione di pelli di animali, sostituì per la scrittura il papiro, che cresce esclusivamente in regioni dal clima subtropicale.
In Cina i documenti venivano scritti sul bambù ed erano per questo ingombranti da conservare e trasportare. Occasionalmente veniva usata la seta, ma era troppo costosa per un uso diffuso.

LA LAMPADA DI ALADINO

aladino

LA LAMPADA DI ALADINO

Sono profondamente grata alla LAMPADA DI ALADINO di non essersi fatta trovare da me prima di oggi.

Se l’avessi trovata molto probabilmente l’avrei considerata una cosa da rigattiere e se anche l’avessi pulita e ne fosse saltato fuori il genio mi avrebbe trovata impreparata.

Esprimi tre desideri all’istante e saranno esauditi.

Per tanti anni ho pensato a qual è il mio sogno o i miei sogni, alle cose che veramente desidero e, appunto, dovevo pensarci. Questa sì, questa no, questa un po’ di più, questa un po’ di meno…

Ma un desiderio è come “un rutto”, ti esce fuori da solo se è un desiderio vero.

Facciamo una prova.

Immaginati di essere nel deserto e da giorni stai vagando sotto il sole senza più cammelli né cibo.

Ti appare il genio della lampada e ti chiede: Che cosa desideri?

IL VIRUS E IL LASCIAR ANDARE

VIRUSFinalmente amici ci ritroviamo ancora!
Il mio sito è rimasto per molto tempo inagibile perché un VIRUS vi era entrato.
Che impressione fa non avere più un luogo dove scrivere le riflessioni sul tuo lavoro e sulla tua vita?
Credo che questa sai un’epoca in cui a ciascuno di noi viene chiesto di imparare a LASCIAR ANDARE. Può essere un sito inagibile, un’amicizia, un lavoro, un amore. Può essere una nostra parte vecchia a cui bene o male siamo legati, a volte a doppia mandata.

IL SORRISO FA LA DIFFERENZA

 

Premessa:

Mirzakarim Norbekov è un personaggio russo piuttosto singolare che all’età di 20 stava per morire di una malattia grave. All’epoca anche la sua salute psichica era alquanto minacciata da stati depressivi piuttosto pesanti che tendevano addirittura al suicidio. Fu salvato da un maestro orientale che lo iniziò a diverse pratiche e discipline del corpo che nel giro di qualche anno cambiarono anche integralmente la sua vita.

Ma ecco dove la sua storia si fa interessante:

Medico ormai affermato in un certo momento della sua vita inizia a sovrintendere, assieme ad un suo collaboratore, ad una specie di circolo per pensionati di lusso (ex magistrati, ex politici, ex uomini d’affari ecc..). La sua presenza al circolo in realtà era molto saltuaria mentre il suo attendente vi presenziava costantemente.

IL TUO TEMPO TRASFORMATO IN DONO

E’ Natale, tempo di regali.

E’ bello girare per i negozi in cerca di un dono per i nostri amici ma devo dire che la ricerca è molto ardua.

SCEGLIAMO IL DONO O SCEGLIAMO IL PREZZO?

Il mercato offre molti “ninnoli”, se vogliamo essere benevoli usando questo nome, ma molto spesso sono cose fatte in serie, tutte uguali, realizzate con materiali plastici. Girando per i mercatini di Natale si vedono ancora cose di qualità, create da artisti o da artigiani che ancora credono nel valore del pezzo unico, ma guardando le loro facce deluse si capisce bene che il grande pubblico guarda più al portafoglio che alla qualità.

Che dire allora di creare da noi qualche dono per nostri amici che salvaguardi il nostro portafoglio e nello stesso tempo la qualità del vero dono? Vi propongo nelle foto delle creazioni di carta. Sono semplici da realizzare e possono “scatenare” la vostra fantasia. Nel resto del sito potrete trovare altri suggerimenti.

« Older Entries